Smart Working all'Elba - L'isola dove lavori "vista mare"

Clima mite, servizi, natura a-tu-per-tu rendono l’Elba la meta ideale per chi lavora da remoto o vuole trascorrere la pausa invernale in una destinazione vicina e spettacolare

Isola d’Elba (Toscana) – A un passo da te c’è un luogo dove poter vivere e lavorare in smart-working restando “in vacanza”. L’isola d’Elba, dopo un’estate al top delle preferenze degli italiani che l’hanno scelta come meta privilegiata e sicura, è pronta a ospitare coloro che cercano un luogo ideale per lo smart-working, lontano dal caos e dagli assembramenti dei grandi centri, per godersi una passeggiata in riva al mare o in un bosco, in pausa pranzo o prima di iniziare a lavorare.
L’Elba offre l’opportunità di abbracciare il sogno nascosto, quello di “cambiare vita” anche solo per un breve periodo, immergendosi nei borghi autentici dell’isola accolti da comunità di abitanti che hanno abbracciato una stile di vita sano e sicuro.

Sistemi di ospitalità e hotel, dotati di WiFi e di tutti i servizi necessari per il lavoro da remoto, hanno già predisposto pacchetti e attivato le prenotazioni per chi sceglie di lavorare “vista mare”. Non solo: se l’obiettivo è prendersi una pausa invernale, le prenotazioni per il periodo natalizio di fine anno sono già attive. Un’esperienza per pochi? Non proprio vista la possibilità di scegliere fra varie tipologie di strutture, dal camping all’hotel, dall’agriturismo al B&B passando per bungalows ed appartamenti più classici; un’offerta ampia che va incontro a esigenze e budget differenti. Potete visionare le strutture ricettive che hanno aderito a questa iniziativa ai seguenti link:

Strutture con apertura invernale sul sito dell'Associazione Albergatori Isola d'Elba

Strutture aperte tutto l'anno sul portale Infoelba

Il progetto Smart-working Elba nasce da una comunione di intenti tra Proloco, associazioni di categoria, amministrazioni e privati che hanno dato vita al progetto con l’obiettivo di ampliare l’offerta dell’Isola, andando incontro alle richieste di chi preferisce esplorare l’isola in maniera slow.

Per il tempo libero, non c’è che l’imbarazzo della scelta, con tante attività e appuntamenti possibili, tutte costantemente aggiornate sul sito di Visit Elba. Ecco qualche idea.

Per gli amanti dello sport, l’Elba è il luogo ideale per gli allenamenti e le preparazioni fisiche, grazie a temperature costanti e a un clima ventilato. Sia che siate agonisti, sia che vogliate fare un po’ di moto per rimettervi in forma o fare “manutenzione”, l’Isola ha qualcosa in serbo per voi. Per esempio le passeggiate, con percorsi spettacolari a pelo d’acqua o in cima alle montagne, oppure la mountain bike, che con l’Elba ha un rapporto speciale tanto che l’Isola ospiterà nel 2021 i mondiali UCI MTB Marathon. Ma anche il golf, il tennis, il diving.

Se invece la vostra vacanza ha un taglio più culturale, non potete dimenticare che l’Elba è stata il luogo del primo esilio di Napoleone, di cui nel 2021 si celebrerà il bicentenario. Il segno lasciato sull’Isola è importante: grande innovatore, Napoleone in 10 mesi trascorsi all’Elba ha letteralmente rivoluzionato la vita della comunità elbana che dal 4 maggio 1814 fino al 27 febbraio 1815 venne stravolta. Le sue tracce sono ancora ovunque: come la bandiera fatta preparare dal generale al suo arrivo a Portoferraio, bianca con una banda rossa sulla quale sono raffigurate tre api dorate e ancora oggi simbolo dei 33 mila abitanti dell’isola. Una visita alle residenze di Bonaparte è d’obbligo.

Ma l’Isola ha un patrimonio storico ampio, che va dal periodo preistorico fino alle epoche più recenti. Una cavalcata tra i secoli tutta da esplorare!

Altre grandi protagoniste dell’offerta dell’isola sono le miniere, come quella di magnetite del Ginevro, unica miniera in galleria ancora visitabile sull’isola e giacimento più grande d’Europa. Oggi è considerata una riserva strategica di ferro dallo stato italiano, tanto da essere tutt’ora tutelata per la sua importanza. Muniti di caschetto e di spirito d’avventura, grazie all’aiuto delle guide, si potrà scendere “nella pancia dell’isola” immergendosi in una visita esperienziale alla scoperta di come vivevano i minatori e come funzionavano gli scavi.

Se invece la natura è la chiave delle vostre vacanze, l’ideale è una passeggiata in riva al mare. Piace ai più romantici, a chi cerca il contatto diretto con l’ambiente naturale, a chi vuole tenersi in forma. All’isola d’Elba, con le sue 200 spiagge, c’è solo l’imbarazzo della scelta: da La Biodola a Cavoli, da Padulella a Sansone, dalla sabbia alle rocce, anche d’inverno il mare all’Elba è sempre più blu. Per chi volesse farsi un’idea, basta collegarsi a #ElbaSmartExploring per una passeggiata “virtuale” a 360 gradi e scegliere la spiaggia preferita. Senza dimenticare che il mare dell’Elba è al centro del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, riserva MAB Unesco, ed è uno dei vertici del Santuario dei cetacei che si estende fino alla Francia.

Se invece è il trekking la vostra passione, potete inoltrarvi alla scoperta dei 400 Km di sentieri dai panorami mozzafiato sulle orme dei contadini, degli scalpellini o dei minatori, che li percorrevano con i loro muli per raggiungere le vigne o le cave. Un dedalo di camminamenti che conducono da una parte all’altra dell’Isola, per godere della ricchezza geologica e morfologica, oltre che della incredibile biodiversità dell’Isola.

Un discorso a parte merita l’enogastronomia. La cucina elbana è ricca di sapori autentici, in cui il pesce la fa da padrone, ma trovano spazio anche la carne e le verdure, che richiamano le tradizioni contadine degli abitanti e che, tutt’oggi, sono strettamente legati ai produttori del territorio… un tripudio di sapori a Km zero pronto a farsi assaggiare!

I più esigenti non potranno mancare alcune tappe con le eccellenze come il cioccolato elbano di Paola Francesca Bertani di recente premiata all’International Chocolate Award, il premio Oscar del cioccolato, grazie al suo cioccolatino realizzato con i prodotti dell’Elba; l'Aleatico, Gran Medaglia d'Oro al Concorso enologico internazionale Mondial des vins extremes 2020 e il vino Nesos, realizzato in immersione come gli antichi greci di Chio da Antonio Arrighi; fino alle fragranze uniche di Acqua dell’Elba.

L’isola d’Elba è facilmente raggiungibile in aereo (voli da Pisa, Firenze, Milano e, nel periodo estivo, Lugano) e in traghetto dal porto di Piombino in un’ora di navigazione. Tutte le informazioni si trovano sul nostro sito.