Elba: l'isola di Napoleone - Eventi

Eventi, visite guidate, percorsi trekking dedicate al bicentenario della morte di Napoleone

PNAT – PARCO NAZIONALE DELL’ARCIPELAGO TOSCANO

Visita animata nel borgo. Isola di Pianosa. Fortunata… ma non troppo! La fornaia di Napoleone a Pianosa.

Visita animata nel paese ambientata nel 1821, anno della morte di Napoleone. Un personaggio dell’epoca realmente vissuto accompagnerà i partecipanti (i futuri coloni dell’isola) a visitare il paese che non c’è e che attende di essere riabitato. La storia e le curiosità del tempo verranno raccontate con ironia e leggerezza. Durata 1 ora e 30’ - € 12 (compreso ingresso alle catacombe), € 8 (5-12 anni), gratuito 0-4 anni

13 e 27 giugno - ore 15:00 2 luglio - alba e tramonto 9 luglio - alba e tramonto 11 e 25 luglio - ore 15:00 8 e 22 agosto - ore 15:00 - sabato 11 settembre

Mercoledì 1 settembre

Isola d’Elba. Trekking Napoleonico nel bicentenario della morte di Napoleone

Passeggiata verso Madonna del Monte dove l’Imperatore incontrò la Contessa Maria Waleska e il loro figlio Alexander, seppur per sole 52 ore. Durante il trekking saranno ripercorsi i momenti felici dell’incontro, avvenuto sotto l’ombra dei castagni, al cospetto del Santuario di Madonna del Monte. Lungo la via, incontreremo dei personaggi in costume che ci faranno rivivere intensamente il momento storico. In collaborazione con la Compagnia dei Tappezzieri. Ritrovo: ore 17 Marciana, Casa del Parco - Durata 3 ore - Difficoltà: medio - facile. Escursione su prenotazione, € 20, ridotto € 10 (5-12 anni), gratuito 0-4 anni.

FESTIVAL ELBA ISOLA MUSICALE D’EUROPA

Dal 26 agosto al 12 settembre

Elba Isola Musicale d’Europa

Napoleone fu un grande ammiratore di Haydn: è noto l'episodio in cui, durante l'occupazione di Vienna da parte delle sue truppe, nel maggio 1809, mise un picchetto d’onore in segno di rispetto davanti alla casa del compositore morente.

Non tutti sanno invece che proprio a Napoleone è dedicata la prima edizione completa dei Quartetti per archi di Haydn, nota come "Édition Bonaparte", pubblicata in Francia nel 1801 da Pleyel (che del grande compositore fu allievo) con la dedica "au Premier Console Bonaparte".

Ispirato da questo legame, il Festival ELBA ISOLA MUSICALE D'EUROPA nella sua 25esima edizione sceglie un percorso inusuale per ricordare Napoleone nel bicentenario della sua morte, celebrando la sua memoria con ben tre concerti in cui alcuni tra i più bei Quartetti per archi di Haydn verranno eseguiti in tre suggestivi luoghi napoleonici dell'Isola d'Elba.

In programma due eventi nelle Residenze Napoloniche che oggi ospitano il Museo Nazionale: la Palazzina dei Mulini, detta anche "Villa dei Mulini", e la Villa di San Martino, entrambe a Portoferraio. Già confermata la data del 10 settembre, quando le musiche di Haydn risuoneranno nei pressi del Santuario della Madonna del Monte, alle falde del Monte Giove, presso Marciana, noto per aver ospitato Napoleone Bonaparte e la sua amante Maria Walewska nel 1814.

COMUNE DI MARCIANA

NAPOLEONE 2021 - Viaggio nel Tempo

Sulle tracce dell’Imperatore

ITINERARI

Due itinerari storico-ambientali con cicli di escursioni guidate nei luoghi napoleonici da maggio a ottobre:

• da Marciana, al Santuario della Madonna del Monte, a Serraventosa con vista sulla Corsica;

• da Marciana, al Santuario di San Cerbone, alla Fonte di Napoleone a Poggio dove Napoleone si recava a bere considerando tale acqua salutare.

Story telling a Casetta Drouot, Poggio, da maggio

MOSTRE ED ESPOSIZIONI

CON LA DIREZIONE ARTISTICA DELL’ARCH. PAOLO FERRUZZI

• L’opera di Luigi Ontani al Museo Archeologico di Marciana. Da metà giugno.

• Napoleone attraverso le immagini di Nano Campeggi - Da Procchio a Pomonte l’itinerario che riproduce i personaggi cari all’imperatore nei luoghi simbolici del suo esilio. Da metà giugno.

• Gli arazzi dell’Imperatore - Mostra degli arazzi a tema napoleonico realizzati con la tecnica del mezzo punto da Caterina Cavina a Marciana. Da metà giugno.

TEATRO E CINEMA

• Tre momenti di storia napoleonica a Marciana con il teatro di strada che propone un percorso a ritroso nel tempo nelle vie del borgo. Da giugno a settembre.

• Lo spettacolo teatrale della Compagnia dei Tappezzieri a Procchio il 16 luglio.

• L’esilio dell’aquila - Documentario del regista elbano Stefano Muti, a Marciana e Pomonte, a luglio e agosto.

INCONTRI

• Gloria Peria - La produzione del vino nel periodo napoleonico, 12 luglio.

• Isabella Zolfino - Le riforme portate all'Elba da Napoleone circa le norme di igiene pubblica, 2 luglio.

• Gemma Messori - Il destino è stato piu' forte di me. Inquietudini, passioni, vittorie e sconfitte di Napoleone Bonaparte, 9 luglio.

SETTIMANA NAPOLEONICA

Dal 22 al 29 agosto appuntamento a Procchio per gli eventi di Procchio Napoleonica tra cui il tradizionale Corteo Storico, la ricostruzione di un accampamento militare francese ottocentesco, la cena di gala con rievocatori e menu ottocentesco, e numerose altre iniziative culturali e di intrattenimento.

COMUNE DI MARCIANA MARINA

La fornaia dell’Imperatore

11 percorsi animati a marciana marina. Parodia napoleonica rivivendo le piccole storie della grande storia

A cura di Giuliano Soldi e Tatiana Segnini

23 giugno, 30 giugno, 7 luglio, 14 luglio, 21 luglio, 28 luglio, 4 agosto, 18 agosto, 25 agosto, 1 settembre

5 giugno

Inaugurazione della mostra documentaria “Echi Napoleonici a Marciana Marina”

19 giugno

Installazione opere fotografiche ed artistiche in paese, inaugurazione del “percorso con visita” al Paese con Umberto Mazzantini

LUNEDI NAPOLEONICI

Incontri ed eventi con autori, storici, artisti, nel nome di Napoleone

7 giugno: Marisa Sardi e Maria Gisella Catuogno : Le donne di Napoleone all’Elba

21 giugno: Presentazione del volume: Andrè Pons: Ricordi e aneddoti dell’Isola d’Elba (1814-1815)

5 luglio: Federica Nardo, Mare, Ianieri Edizioni 2019. (romanzo napoleonico)

19 luglio: Gloria Peria, Leonello Balestrini: Napoleone botanico e archeologo

2 agosto: FILM NAPOLEON di Abel Gance con l’accompagnamento musicale di Visibelli*

16 agosto: BRIZZI: I GRANDI CONDOTTIERI: Alessandro Magno, Cesare e Napoleone

30 agosto: MANRICO MURZI La Tavola napoleonica, opera d’arte e d’ingegno.

6 settembre: INFLUENZE FRANCESI NELLA CUCINA ELBANA con Alvaro Claudi e Michele Nardi

*Appuntamento in corso di definizione

COMUNE DI CAPOLIVERI

Domenica 1 ottobre Festa dell’uva

La Festa dell’Uva si celebra ogni prima domenica di ottobre. Dedicata a Bacco, dio romano del vino e della vendemmia, promossa dall’associazione culturale “Giuseppe Verdi”, in collaborazione con l’amministrazione comunale, è la festa più frequentata dell’isola e quest’anno sarà tutta all’insegna dell’Imperatore.

I quattro rioni del paese, Baluardo, Fortezza, Fosso e Torre, si sfidano in allestimenti storici che ripropongono la vita com’era nella civiltà contadina di queste terre. Il vincitore custodisce il trofeo in palio, la statua di Bacco, per l’intero anno fino alla successiva edizione.

Non mancano altri riconoscimenti: il premio “La brocca della Vantina” viene attribuito al rione che presenta il miglior piatto tipico elbano dedicato alla vendemmia e attinente all’allestimento scelto. Inappellabile il giudizio della giuria, composta da esperti di fama. Il premio “Continuità” assegna una menzione speciale al rione che continua a fare animazione anche dopo il passaggio per le vie dei quartieri della giuria.

Nel pomeriggio grande sfilata dei rioni in piazza Matteotti, poi l’apertura degli allestimenti al pubblico, buffet imperdibili di specialità locali, degustazioni per tutti e proclamazione finale del vincitore del concorso. Ma la festa continua fino a notte inoltrata. Una kermesse affollatissima dedicata al vino e al buonumore.

DEGUSTAZIONI

Il cioccolato campione del mondo di Paola Francesca Bertani

Il cioccolato, come lo conosciamo noi oggi, non esisteva in epoca napoleonica.

Grazie ai preziosi consigli e alle conoscenze storiche dello chef Alvaro Claudi è stato però possibile rintracciare delle preparazioni che in quell’epoca consistevano nel miscelare la massa cacao a composte di frutta, miele e mandorle.

Seguendo le tracce storiche ho quindi rielaborato e interpretato il gusto del cioccolato napoleonico, in una veste più moderna.

Nascono così le due praline Napoleoniche di PFB cioccolato.

IL MARENGO DI NAPOLEONE

Prendendo il nome dalla moneta d’oro da venti franchi fatta coniare da Napoleone dopo la vittoria di Marengo il 14 giugno del 1800, è stato elaborato questo cioccolatino.

La base è un cremino di Gianduia, prodotto nato proprio per colpa o per merito di Napoleone che decretando il Blocco Continentale , nel 1806 vietò il commercio tra i paesi soggetti al governo francese e le navi britanniche.

Il Piemonte si vide tagliare le scorte di cacao e per continuare la produzione la Caffarel-Prochet sostituì una parte del prezioso ed introvabile cacao con la nocciola delle Langhe che abbondava nella zona.

A questa primo strato di cremino gianduia è stato abbinato un secondo strato di ganache alla mandorla con arance candite appassite nell’Aleatico elbano. La pralina ha come decoro una foglia di oro zecchino.

IL BACIO DI WALEWSKA

Durante l’esilio elbano furono tre donne ad accompagnare Napoleone sull’isola: la madre Letizia, la sorella Paolina e la sua amante, la contessa Maria Walewska.

Ho deciso di dedicare il secondo cioccolatino alla contessa Walewska perché dimostrò un amore sincero verso Napoleone e mentre tutti in Europa lo rinnegavano, lei lo raggiungeva come una donna che a 19 anni aveva donato sé stessa e tutto il suo amore senza calcolo alcuno, e ormai a ventisei anni dimostrava il suo affetto come amica fidata.

Ho scelto la forma di un bacio moderno al cui interno è presente una composta dolcissima di fichi e mandorle ed una ganache con massa cacao e miele elbano.

La decorazione prende spunto dai colori della bandiera elbana, rosso bianco e tre api dorate.

PROFUMI

Da mercoledì 5 maggio, Acqua dell’elba ripropone l’edizione dei profumi Napoleone e Paolina, creati originariamente in una limited edition per il bicentenario del regno di Napoleone Bonaparte sull’Isola d’Elba nel 2014.

NAPOLEONE BONAPARTE

L’Eau de Parfum Napoleone Bonaparte (100 ml) è un accordo maschile fresco marino aromatico e legnoso creato con le note di limone, cedro, mirto e rosmarino; alghe marine, lavanda e ginepro; legno di cipresso, lentisco e muschio di quercia.

PAOLINA BONAPARTE

L’ Eau de Parfum Paolina Bonaparte (100 ml), è un accordo femminile fresco agrumato fiorito legnoso, creato con le note di Limone, arancio amaro, menta, basilico, giglio di mare, ginepro, geranio, legno di cedro e corbezzolo.

Per l’occasione, Acqua dell’Elba rimetterà in vendita i due profumi sul proprio store online https://www.acquadellelba.com/it e nei propri negozi.

TREKKING

Il Bosco dell’imperatore - S.Martino

difficoltà :facile / Interesse: storico, naturalistico

Si racconta che Napoleone, per pensare e pianificare il suo ritorno dall’esilio in tranquillità e senza spie, amasse percorrere i sentieri nelle vicinanze della sua dimora di campagna di San Martino.

Visiteremo le stanze della sua abitazione, “rustica” ma con tutti i comfort dell’epoca, con gli affreschi narranti le vicissitudini napoleoniche e con un invidiabile panorama, nonostante la posizione strategicamente nascosta, sul porto di Portoferraio.

Dalla residenza vera e propria, passeremo quindi alla “Galleria Demidoff”, aggiunta successivamente per volere dell’omonimo principe in onore dell’imperatore, dove la statua della Galatea ci darà il benvenuto.

Da qui ripercorreremo i passi napoleonici alla scoperta di una vallata scrigno di una delle più grandi e variegate foreste demaniali dell’isola d’Elba, dove per secoli la “lecceta” è stata trasformata in carbone dalle sapienti lavorazioni dei “carbonai” del luogo.

Napoleone in vacanza - Marciana

difficoltà : facile / Interesse: storico, geologico, naturalistico

Raggiugeremo il santuario della “Madonna del Monte”, il più importante santuario montano presente sull’isola, incontreremo l’eremo che ospitò il soggiorno estivo di Napoleone esiliato dove,

tra la pace del castagneto e l’isolamento della montagna avvenne l’incontro tra l’imperatore e la sua amante polacca.

Un itinerario sul versante nord occidentale del monte Capanne, alla scoperta del castagneto e della sua importanza nell’economia rurale della zona. Seguendo il percorso potremo osservare le particolari forme di erosione del granito che nel corso dei millenni hanno modellato le rocce con forme inconfondibili come il “masso dell’Aquila” , l’ “Uomo Masso”, la “Testa di Moro”.

Dopo aver fatto rifornimento d’acqua alla freschissima sorgente dell’esedra del santuario, il percorso proseguirà, con la possibilità di scorgere alcuni esemplari di mufloni e rapaci in volo, verso la panoramica terrazza sulla Corsica di “Serraventosa” e da qui sulla via del ritorno.

Nessun “foresto” governerà Capoliveri

difficoltà : facile / Interesse: storico, geologico, naturalistico

“Capoliveri mi fa la guerra..un nido di corvi vuol resistere all’aquila imperiale”, questo, secondo la tradizione popolare fu il pensiero di Napoleone di fronte all’unico paese in rivolta contro la sua dominazione “forzata” sull’isola d’Elba. Seguendo il leggendario racconto della “Vantina”, la ragazza che salvò il paese dalle ire napoleoniche, scopriremo i caratteristici “chiassi”, i vicoli del centro storico di questo antico borgo minerario.

Proseguiremo con una passeggiata sul monte Calamita, in quello che è il santuario delle orchidee dell’isola d’Elba, attraverso ombreggiate pinete e odorosa macchia mediterranea, caratterizzata dalle fioriture dei “Cisti”, delle “Ginestre” e della “Lavanda”.

Spaziando sulla costa toscana e l’abitato di Porto Azzurro, arriveremo alle vedute di Ponente con il Golfo Stella, il maestoso Monte Capanne e uno scorcio da cartolina sul paese di Capoliveri, dove faremo ritorno al termine dell’escursione.

Il tesoro dell’esiliato – Rio Marina

difficoltà: facile / Interesse: storico, geologico, naturalistico

La principale fonte di finanziamento del “principato Napoleonico” dell’Elba era nascosta sotto terra: per secoli i giacimenti ferrosi della zona orientale dell’isola hanno fatto la fortuna di chi aveva la possibilità di sfruttarli, dagli albori con gli etruschi, passando per la dominazione pisana, fino ad arrivare all’ Imperatore, che per primo fece progettare un impianto di trasformazione industriale del minerale direttamente sull’isola.

Ematite, pirite, limonite, sono solo alcuni dei nomi dei numerosissimi minerali che costituiscono la varietà geologica dei cantieri minerari del versante riese che andremo a scoprire nel museo mineralogico del “Parco Minerario dell’Elba”.

Successivamente, dotati di martelletti e picozze, come veri minatori, andremo alla ricerca dei brillanti tesori nascosti del sottosuolo e delle loro particolarissime e uniche cristallizzazioni.

PERCORSI BIKE

In bike con Napoleone “Il bosco dell'imperatore” Valle di San Martino

Difficoltà: Medio / Distanza: 9 km

Se Napoleone avesse avuto una mountainbike, probabilmente avrebbe percorso la valle alle spalle della sua residenza con questo mezzo invece che a piedi..

Il percorso parte dalla via di accesso alla villa di San Martino, residenza di campagna, proprio in prossimità dei negozi di souvenir napoleonici e si addentra nella vallata risalendo quella che è una delle foreste demaniali più rigogliose dell'isola. Inizialmente strada a fondo battuto, successivamente il percorso diventa più tecnico con un single track in salita che accompagna fino al crinale dove si incontra la vecchia strada militare “Colle Reciso – San martino”. Dal crinale, spostandosi di pochi metri dalla strada, è possibile incontrare le viste panoramiche sul versante sud e sul golfo di Lacona.

Proseguendo lungo la strada sterrata i più esperti e preparati potranno inerpicarsi lungo la ripida salita che porta alle cime dei monti Barbatoja e San Martino, altrimenti, seguendo la viabilità principale si arriva allo snodo di “Buca di Bomba”, dove converge anche la deviazione “estrema”.

Svoltando verso nord, ed entrando all'interno della pineta, si inizia la via del ritorno, che con una discesa abbastanza impegnativa ci riaccompagna nuovamente al punto di partenza.

In bike con Napoleone “L'eremo dell'Imperatore” Poggio – Marciana- Pomonte

Difficoltà: Difficile

Partendo dal piccolo borgo di Poggio, il percorso inizia salendo un’ampia pista forestale che ci porterà attraverso i castagneti del versante nord dell’isola.

Attraversando i boschi andremo a scoprire il primo santuario del percorso, l’eremo di San Cerbone e da lì a cercare “la grotta del santo”, probabile rifugio del vescovo Cerbone, negli anni delle persecuzioni Longobarde.

La strada continua, comoda e pianeggiante, attraversando l'ombrosa valle di “Pedalta”, con scorci panoramici sulla costa nord dell'isola d'Elba e sulla costa toscana, intervallati da rigogliose pinete, accompagnandoci fino al percorso che sale verso il secondo santuario, quello della Madonna del Monte. Qui, il percorso inizia ad essere più tecnico, con un fondo in blocchi di granito. Seguendo le piccole cappelle della via crucis che accompagnano fino alla chiesa, andremo a conoscere i luoghi dove Napoleone trovò pace, tranquillità e…la visita dell’amante durante il suo esilio.