Rio Marina, la costa che brilla

Gli evidenti segni del passato minerario di questo incantevole territorio, racchiuso fra mare e montagna, sono divenuti oggi attrattiva turistica di grande interesse

Il paese di Rio Marina si trova nel versante orientale dell'isola d’Elba, dolcemente incastonata in una piccola insenatura di mare contornata da colline la cui terra, rossa per l'ossido di ferro, ne testimonia il ricco passato minerario.

In questa zona dell’isola, l'estrazione del ferro dalle miniere ha avuto luogo fin dai tempi degli antichi Etruschi ed è stata, insieme alla marineria, l'attività prevalente degli abitanti fino a qualche decennio fa. Attualmente il passato minerario di Rio Marina è tornato a essere un’attrattiva importante per il turismo isolano, tanto che il tratto di costa che va da Rio Marina a Cavo è stato denominato la “Costa che brilla”, in onore  a quel luccichio quasi onirico della polvere mineraria nera presente su alcune spiagge e che ne contraddistingue l’aspetto.

Da ricordare sotto questo profilo i versi dell’Eneide di Virgilio, che decantavano la ricchezza mineraria dell’Elba: “Ast Ilva [...] Insula inexhaustis Chalybum generosa metallis […]”, ovvero “ma l’Elba […]un’isola ricca di miniere di ferro inesauribili” (Eneide, libro 10, versi 146-214).

Oggi Rio Marina è una località balneare attrezzata per le esigenze del turismo. Il suo Comune si è costituito nel 1882, distaccandosi da Rio nell'Elba e ottenendo una sua indipendenza.

Dal porto sono attivi efficienti collegamenti con la terraferma – in alternativa a Portoferraio – ed è presente anche il porto di Cavo per collegamenti con Portoferraio e Piombino.

Molti sono i luoghi di particolare interesse storico e culturale che potrete scoprire a Rio Marina: fra questi la Chiesa di San Rocco, la cinquecentesca Torre dell’Orologio o Torre degli Appiani, il Forte del Giove o del Giogo. Ma una menzione particolare la merita senz’altro il Parco Minerario dell’isola d'Elba, con le sue straordinarie miniere a cielo aperto, e il Museo di minerali e di arte mineraria.

Di notevole interesse storico è anche il Palazzo di Pons de l’Hérault – anche se attualmente inagibile – che prende il nome dal direttore delle miniere in epoca napoleonica, noto per essersi opposto alla richiesta dell’Imperatore di avere a disposizione la “cassa” delle miniere.

Nel comune di Rio Marina si trova il paese di Cavo raggiungibile anche con un itinerario a piedi che permette di arrivare al sentiero con il suggestivo Mausoleo Tonietti. Altre località sono Capo d'Arco e Ortano.

Anche l'isola di Palmaiola amministrativamente fa parte del territorio comunale di Rio Marina.