Chiessi e Pomonte, due oasi di tranquillità

Spiagge suggestive e tramonti incantevoli, fra il mare e la montagna che lo sovrasta, permeate da un’atmosfera da sogno

Prima di giungere a Chiessi si trovano due calette, raggiungibili dal mare e ideali per chi ama la tranquillità: Campo Lo Feno e la Caletta di Punta Nera caratterizzate da pietroni e ghiaia grossolana bianca e nera.

Residenza storica di pescatori e coltivatori, il borgo marinaro di Chiessi è andato sviluppandosi durante il XX secolo, immerso in un paesaggio è un mosaico di gozzi variopinti, casette bianche, muri a secco e macchia mediterranea. La spiaggia, in ciottoli e scogliera, offre la  visione di tramonti mozzafiato, mentre il mare trasparente dà la possibilità di praticare qualsiasi tipo di sport, dal windsurf allo snorkeling, alle immersioni subacquee. Sull’alta montagna che sovrasta il paese, nel 1888 fu costruito il Semaforo di Campo alle Serre, struttura edificata presso un’antica postazione d’avvistamento.

Percorrendo l’antica mulattiera chiamata “il sentiero del tramonto”, si  giunge al paese di Pomonte, il cui nucleo originario - Pedemonte - si trovava a 460 mt di altitudine. Lungo la medievale Via Pomontinca, che collegava Marciana con l’antico paese, si trovano i ruderi della Chiesa di San Frediano, edificio romanico posto a maggiore altitudine dell’Elba (676 mt), dedicato al vescovo di Lucca, protettore dei contadini.

Salendo ancora si raggiunge il crinale di San Bartolomeo, che sovrasta imponente lo scenario circostante con la sua stazza granitica, e dal quale si può ammirare la Valle di Pomonte, la più ampia fra le vallate del monte Capanne. Inoltrandovi in questi territori diventeranno molto probabili gli avvistamenti faunistici: dall’alto delle Grottacce potrete, con un po’ di fortuna, osservare la poiana mentre sale roteando contro il blu del mare.

Nel paese si trovano tre spiagge, tutte di ghiaia: le Scalette, il Quartiere e l’Ogliera , davanti al cui scoglio ci si imbatte nel relitto dell’Elviscott, adagiato a 12 metri di profondità su un chiaro fondale sabbioso,  che dal 1972 ospita una biodiversità marina rigogliosa, molto apprezzata dagli amanti dello snorkeling.